Pm, Raggi mentì per evitare dimissioni

Secondo la Procura di Roma la sindaca Virginia Raggi "mentì alla responsabile dell'Anticorruzione del Campidoglio nel dicembre del 2016" perché se avesse detto che la nomina di Renato Marra era stata gestita dal fratello Raffaele, sarebbe incorsa in un'inchiesta e "in base al codice etico allora vigente negli M5S, avrebbe dovuto dimettersi". Così in aula il procuratore aggiunto Paolo Ielo. Ielo ha chiesto al giudice l'acquisizione del codice etico M5S vigente nel 2016 che prevedeva in caso di indagine penale a carico di un 'portavoce' la sua ineleggibilità o, se già eletto, le dimissioni. "Se la sindaca avesse detto la verità e riconosciuto il ruolo di Raffaele Marra nella scelta del fratello - ha spiegato - l'apertura di un procedimento penale a suo carico sarebbe stata assai probabile. Lei era consapevole che in casi di iscrizione a modello 21 (ovvero come indagata in un fascicolo penale, ndr) rischiava il posto è per questo mentì. Il codice etico fu modificato nel gennaio del 2017".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Viterbo Post
  2. Lazio News
  3. ViterboNews24
  4. Forza Roma
  5. Roma OnLine

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Faleria

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...